.
Annunci online

Chi, Dove

Mi piace Resta aggiornato con i Feed RSS di questo blog Resta aggiornato con i Feed ATOM di questo blog
add page

antivirus gratis Aggregatore


Albatroferito Albatroferito

Albatroferito

Link
Immagini e Multimedia






Contatore



Siete passati in 314030

News dai blog

Disclaimer

Tutti i testi di questo blog sono di proprietà dell'autore ai sensi della legge n.633 del 22/04/1941. La medesima legge, dell'articolo 171, sanziona penalmente la condotta di chi, senza il consenso dell'autore, riproduce, trascrive, diffonde o pone in commercio l'opera altrui.
Se qualcuno intende usufruirne, è pregato di contattare l'autore per averne il permesso.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

La pubblicazione, totale o parziale, di alcune immagini presenti in questo blog, non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

I commenti sono sempre sospesi in attesa di approvazione.

 Template e Layout
Albatroferito

***



   ULTIMI POST

Caro Diario
Madre
Sotto il neon
Vasco Rossi
Segreti di Stato
Pooktre
Genesi
Colori
Zombie


     LEGGO 

Assalto al PM

L. de Magistris

 


    COLPITO DA

"Un popolo che non ha la dignità, il coraggio e l'onore di ribellarsi, non ha il diritto di lamentarsi."
(A.F.)

"I colori sono parole che non sanno scrivere."
(A.F.)

"Il grande problema della comunicazione è che non si ascolta per capire, ma per rispondere."
(A.F.)

"Non si scende all'Inferno con le pantofole di velluto."
(A.F.)

"La maggior parte delle persone non vuole conoscere la verità ma vuole soltanto essere continuamente rassicurata che quello che già crede, sia vero."
(A.F.)
 

"Quando si ha qualcosa da dire non bisogna tacere. Ma quando non si ha niente da dire è inutile parlare. E farlo sarebbe ridicolo."
(A.F.)
 

"L'ironia è l'ipotenusa del lato intelligente di una persona. Di base, ce l'ha solo chi è all'altezza."
(A.F.)
 

"La storia sarà un'inutile maestra di vita, se continuerà ad avere davanti a sè allievi distratti e disinformati."
(A.F.)

"Il giusto, altro non è che l'utile del più forte"
(Trasimaco) 

"Il cuore ha ragioni che la ragione non può comprendere"
(Pascal)

"Ho capito che puoi avere gli ideali più nobili del mondo, ma alla fine quello che resta sono i vecchi giochi cinici del potere, il sapore del sangue, il gusto della vittoria, l'umiliazione della sconfitta.
Ho capito che, al mondo, nessuno è innocente."
(Enzo Baldoni)

"La mia salvezza è che non capisco bene cosa mi succede intorno, e passo attraverso la vita come un nottambulo sul cornicione, senza farmi male."
(Jacopo Fo)
 



 


 

Zombie
22 luglio 2011

Tempo fa quel grande albatro che risponde al nome di Diego Cugia pubblicò un mio pezzo. Non fu l'unica ma quella volta disse di me che ero “Un non morto per caso. Uno che per una svolta del destino non è rimasto vittima della strage di Capaci ”.
Bèh, proprio una svolta non direi. Diciamo invece che quando il giudice Falcone venne ucciso insieme a sua moglie e agli uomini della scorta, erano ormai 8 anni che mancavo da Palermo, e più che “una svolta” sarebbe stato meglio definirla “un’altra volta” o “un’altra vita”. Ma Cugia rinforzò il concetto e mi definì “uno zombie vero” e detto da lui -che in quel periodo era autore e conduttore di una trasmissione in onda tutti i giorni alle 14,00 su Radio24, che si chiamava Zombie- era un sicuro complimento.
Certo, se non fosse per questo motivo, farebbe impressione essere paragonato a morti che per qualche ragione si risvegliano e vagano con sguardi vuoti scavati dentro orbite esangui e l’aria fintamente frastornata, in cerca di vittime umane da artigliare … brrrrr!!! Che impressione!!! Speriamo che le piume di albatro gli siano indigeste.
Ma fa più impressione leggere che sul sito dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta sia comparso un lungo e dettagliato articolato intitolato “Come prepararsi ad affrontare l’apocalisse zombie”; e devono essersi impressionati in parecchi perché il C.D.C.P. è un’istituzione governativa americana riconosciuta in tutto il mondo, che da sempre produce documenti aggiornati per il trattamento delle patologie, offre informazioni accurate per la prevenzione e la gestione di qualsiasi situazione che possa minare la salute e elabora statistiche di diffusione delle malattie.

L’articolo che segue è zeppo di immagini e informazioni dettagliate sull’origine degli zombie: alcuni sostengono che il ritorno alla vita sia da attribuirsi a radiazioni provenienti da una sonda NASA, altri che la causa sia da ricercarsi nella mutazioni di prioni o di malattie come il morbillo o la rabbia. Ma quasi tutti concordano nell’attribuire la colpa a un virus chiamato Solanum. A rimpolpare l’articolo scendono in campo anche illustri neuroscienziati e viene scomodato perfino il prof. Steven Schlozman, psichiatra di Harvard, che ha pubblicato uno studio secondo cui lo zombie è affetto da “sindrome neurodegenerativa atassica di deficienza della sazietà”: un volo (lontano dal mio, per piacere) educatamente pindarico per spiegare che lo zombie passa tutto il suo tempo a mangiare esseri umani.
… brrrrr e ri-brrrrr !!!
Mi faccio forza e continuo a leggere il sito http://www.cdc.gov : “il timore di questa idea ha portato molta gente a chiedersi: come prepararsi per un'apocalisse zombie? Bene, siamo qui per rispondere a questa domanda per voi, e speriamo di condividere un paio di consigli sulla preparazione per le emergenze reali.” E chiude con un lapidario “Better Safe than Sorry” per riprendere subito con un elenco di materiali, kit di emergenza, acqua a sufficienza, cibo in scatola, radio, batterie, documenti, un cambio di biancheria, suggerimenti su come identificare i punti di raccolta e piani di evacuazione.
Scorro il testo originale e verso la fine inciampo su un: “You can also implement this plan if there is a flood, earthquake, or other emergency.” Mi fermo, rileggo e traduco mentre leggo perché voglio rialzarmi sicuro di avere letto quello che ho capito: “È anche possibile implementare questo piano se c'è un'alluvione, terremoto o altre emergenze.” … la risata che segue è uno scoppio; ho capito.
Il C.D.C.P. ha usato gli zombie per spiegare ai cittadini come ci si prepara ad affrontare un’emergenza reale come un terremoto, un’inondazione o una pandemia, perché sanno perfettamente che quando si parla di argomenti come questi, la prima cosa che si fa è credere che la faccenda non ci riguardi in prima persona.
Si chiama “atteggiamento naturale di rimozione del rischio”, che però in questo caso non ha funzionato perché, rapiti dalla nuova possibilità –richiamata continuamente- di trovarsi davanti a un branco di zombie, continuiamo a leggere il documento fino alla fine.
Una bugia per controllare le nostre emozioni? Sicuramente a fin di bene. Ma fa riflettere la loro grande capacità di intuire il funzionamento della mente… che mente a sè stessa se viene obbligata a elaborare una nuova emergenza. Dopo tutto, The Truman Show docet; Jim Carrey era convinto di vivere una vita vera, ma era invece costretto su un’isola artificiale, “guidato” dalle paure delle quali aveva di volta in volta necessità.
Insomma, si può essere zombie anche da persone … “libere”.

sfoglia
giugno        agosto